Vai ai contenuti

Menu principale:

erythy


concept

NON SONO UN FOTOGRAFO PROFESSIONISTA
SONO APPASSIONATO DI FOTOGRAFIA COME MEZZO PER COMUNICARE
SPESSO MI ANNOIO E CREDO CHE QUASI TUTTA LA FOTOGRAFIA ORMAI SEGUA DEI CLICHE'
IO FACCIO FOTOGRAFIE PER CERCARE ME STESSO E NELLO STESSO TEMPO
PER RICERCARE UN SENSO DI STUPORE E DI ESTASI
CHE PORTI AD UNA LIBERTA' ESPRESSIVA ASSOLUTA E INCONTAMINATA

FAR - FotoAstrazionidelReale

Esplorazione, fatta per mezzo dell'apparecchio fotografico, del “territorio” interposto tra noi e le cose che ci circondano e che costituiscono lo scenario del nostro vivere quotidiano. Indagine e ricerca che assume come concetto guida il vuoto, in una dimensione ancora insondata e ignota che si trasforma, mediante la fotografia, in una essenza percepibile. L’atto creativo diventa svelatore di una dimensione “altra” della realtà, trasponendone la sua banale e consueta identificazione di scorrere tragico dell’esistenza umana, con qualcosa che tenta di superarne i limiti del sondabile, per suggerire, evocare e proporre inedite dimensioni estetiche. Questo procedimento allontana la fotografia da molti stereotipi e classificazioni , nel tentativo di ricercare nuove forme espressive e stimolare le possibilità esplorative e di sperimentazione visionaria della realtà circostante, la fotografia diventa potente mezzo di interpretazione, modificazione e trasformazione visuale della realtà stessa. Il risultato finale si concretizza con immagini dove, attraverso procedimenti metaforizzanti l’atto pittorico, l'impulso gestuale, il movimento ecc., vengono svelati inediti scenari percettivi e riattivati processi poetico compositivi vicini all’astrattismo o alle “fughe” dell’informale, che fissano, su una sorta di "tela virtuale" delle istantanee fatte di colori e forme. Questo lavoro attraverso la sua lettura in equilibrio percettivo tra realtà e una sua possibile interpretazione, scruta in maniera creativa ed evocativa l’opprimente caducità delle nostre vite, nel tentativo di "sospendere" temporaneamente la drammaticità della loro portata esistenziale. Mi interessa usare il mezzo fotografico per la ricerca di uno stupore che porti ad una libertà espressiva assoluta e incontaminata.



Torna ai contenuti | Torna al menu